Concorso scuole UN PROGETTO DI CLASSE 2019-2020

L’area espositiva di GEWISS: idee e progetti

Progetta lo spazio espositivo di GEWISS per la Show Room aziendale o per la prossima Fiera internazionale del settore elettrotecnico e illuminotecnico.

Uno spazio esperienziale ed emozionale che conduca il visitatore a compiere un viaggio nei cinquant’anni di storia GEWISS, gli permetta di scoprire il mondo integrato di soluzioni e servizi proposti da GEWISS e, non ultimo, lo proietti nel futuro.

I visitatori provengono da tutto il mondo: architetti, designer, progettisti, ingegneri, commerciali della filiera elettrotecnica, grossisti, rivenditori, industriali del settore, giornalisti.

Al visitatore verrà proposto un viaggio esplorativo verso nuovi orizzonti, ispirati da nuovi stili di vita.

Lo spazio espositivo si connota infatti per porre l’accento sull’innovazione: al suo interno vengono presentate tutte le novità elettrotecniche e d’illuminazione, i servizi, le soluzioni. L’obiettivo è garantire il livello di comfort e integrazione per tutte le generazioni all’interno di spazi abitativi e urbani, anche attraverso l’efficientamento degli edifici e il risparmio energetico.

Lo spazio che i ragazzi realizzeranno dovrà anche raccontare e celebrare i 50 anni di GEWISS, la sua evoluzione, i prodotti realizzati e la proposta di soluzioni e servizi con cui oggi si affaccia al mercato. La progettazione elettrica e illuminotecnica si completa con la proposta di allestire lo spazio mettendo in risalto il nuovo modo di guardare al futuro di GEWISS con soluzioni e servizi ed esaltando la tecnologia in esse contenuta (e-mobility, energy management, smart home…).

 Ogni classe iscrivendosi al Concorso ha la possibilità di scegliere una categoria:

 

L’obiettivo da porsi nel pensare lo spazio espositivo è che il visitatore

 

“Innovation is not about inventing new things just for the sake of it, rather it is about introducing meaningful change through competence, enthusiasm and experience, bringing value both in social and economic terms.”

Domenico Bosatelli, founder of Gewiss


Edizioni